mercoledì 31 dicembre 2008

Auguro a tutti voi un felice anno nuovo^_^


Auguro salute a chi è malato,
giustizia per ogni defraudato,

sorrisi e buon umore a chi vive nel dolore,
pane agli affamati,
solidarietà agli emarginati,
a chi festeggia in compagnia lenticchie,
cotechino ed allegria, a chi sta solo e non si muove,
Hai chi la non si aspetta nulla
il tanto che c'è.
A tutti quanti un magico 2009.


Vorrei augurare un buon anno a tutti quelli che mi e si tengono compagnia venendo a fare un saluto su questo blog.
Ultimamente faccio un pò fatica a scriverci, ma prometto che se non lo chiuderò prima per il prossimo anno mi impegno a fare meglio.

Un caloroso abbraccio a tutti voi.
Nelly

martedì 30 dicembre 2008

Ci siamo quasi ...


Il 2008 è agli sgoccioli e mi lascio alle spalle un anno che mi ha cambiata radicalmente. Questo 2008 mi ha dato tutto: delusioni,amicizie perse,amicizie vere sempre al mio fianco, nuove amicizie, tanti sorrisi,tanti abbracci, tante serate da ricordare,un estate fantastica,rapporti speciali,tanto amore, tanta allegria e euforia e purtroppo anche tanto dolore per le persone che ho perso. E’stato un anno di delusioni e anche un pò brutto!!! Lo porterò nel cuore come ogni anno, con malinconia, anche dalla tristezza si impara ... E' positivo per il semplice fatto che ho conosciuto, se pur virtualmente, tante persone fantastiche come voi ^_^
Vabbè chiudiamo quest'orrore ... Aprendo il 2009 in maniera positiva ... Meglio essere ottimisti in questo mondo..

P.S.Il countdown l'ho rubacchiato a Free ...

domenica 28 dicembre 2008

Dedicata ad un amico ....

Lo conosco da poco, ma è come se fosse da sempre.
Le stesse speranze, gli stessi sogni, le stesse paure... è come guardarsi ad uno specchio e vedere riflessa quella parte di Te che non vedevi più da anni.


P.S. La foto mi è stata regalata da Cesco del blog Io operaio un pò di tempo fà...

giovedì 25 dicembre 2008

Auguri di Buon Natale



A tutti voi auguro che il Santo Natale porti un raggio di luce, che porti: gioia dove c’è dolore, salute dove c’è malattia, amore dove c’è odio e tanto calore in fondo al vostro cuore….. Buon Natale.

martedì 23 dicembre 2008

Letterina ...

babbo natale con i suoi animaletti
Caro Babbo Natale,

anche quest'anno le feste sono arrivate, e malgrado tutti i miei dubbi, alla fine lo spirito natalizio in qualche modo è entrato anche dentro di me.
Ho esitato perché ormai il Natale ha perso molto del suo significato. E' diventato una festa commerciale come tante altre, e mette anche un pò di tristezza. Ma io voglio cercare di recuperare un pò dell'antica poesia, almeno dentro di me.
Cosa desidero per me, questo Natale? Serenità e amore. Sono le uniche cose davvero importanti, quelle che rendono la vita piena di dolcezza e di colore. La serenità che viene dalla pace con noi stessi e con gli altri. E l'amore che illumina le nostre giornate. Tutti corrono continuamente, alla ricerca di chissà cosa, e invece la felicità è fatta di cose semplici. I più grandi tesori sono nel nostro cuore.
Caro Babbo Natale, ti chiedo soprattutto questo: lasciami un cuore semplice che sia capace di gioire di un abbraccio, di un bacio, un sorriso sul viso amato. Che continui a rallegrarsi per una giornata di sole.
Grazie di tutto quello che ho!

lunedì 22 dicembre 2008

Curiosità ^_^

Quando si sceglie un regalo di Natale si possono avere diversi obiettivi: ringraziare qualcuno, rinsaldare un legame o semplicemente stupire il nostro amico. Per ottenere un vero effetto sorpresa si può scegliere un regalo enorme, o solo un regalo assurdo. Sul sito internet Stupid.com sono stati selezionati i "pensierini" più curiosi per il Natale 2008. Primo tra tutti il filo interdentale che stimola l'appetito perché non rilascia una fragranza comune ma è al sapore di bacon. Oppure la Finger drums, la batteria che si suona con le dita, per scaricare la tensione senza fare troppo rumore. O ancora i Gin & Titonic, dei cubetti di ghiaccio a forma di Titanic che sciogliendosi affondano nella bevanda che stiamo gustando. Di seguito qualche consiglio per i vostri regali di Natale e il sito internet per cercare qualche idea curiosa.

venerdì 19 dicembre 2008

Babbo Natale

In clima di feste non ci si può far sfuggire una notizia così.
Chi non conosce la leggenda di Babbo Natale?!
Che lo chiamiate Santa Claus, Joulupukki, San Nicola, Kris Kringle, Died Maroz, Djed Božicnjak per tutti è sempre l'anziano panciuto, occhialuto e barbuto, vestito di un mantello rosso con inserti di pelliccia bianca. Durante l'anno, nel suo laboratorio in Lapponia, costruisce giocattoli grazie all'aiuto degli elfi. La notte della vigilia di Natale, salta a bordo della sua slitta, trainata dalle otto renne
Dasher, Dancer, Prancer, Vixen, Comet, Cupid, Donder e Blitzen e vola nei cieli di tutto il mondo per distribuire regali ai bambini che sono stati buoni. Quante volte gli avete lasciato latte e biscotti accanto al camino.. magari vi sarete anche chiesti come avrebbe fatto a portare il vostro regalo se a casa non avevate nessun camino! Ma avete mai riflettuto, cari miei, su quanti anni possa avere Babbo Natale? Fino a qualche tempo fa, si credeva che il caro vecchio Santa Claus fosse comparso sulla scena intorno agli anni venti.
Circa dieci anni dopo, per l'esattezza nel 1931, la sua immagine fu rivista (per diventare così come la conosciamo noi oggi) ed utilizzata come icona natalizia dal marchio Coca-Cola. Ebbene, negli ultimi giorni, sono emerse delle interessanti novità. Secondo quanto riferisce il quotidiano tedesco 'Thueringer Allgemeine', una collezionista tedesca avrebbe scoperto, all’interno della sua collezione di cimeli antichi, una cartolina di Natale, spedita proprio in Germania nel 1897. La cartolina riportava l’immagine di Santa Claus che camminava tra la neve. A pochi giorni dalla sua annuale comparsa scopriamo che Babbo Natale ha ben 110 anni!!Che dire?! Tanti auguri !

sabato 13 dicembre 2008

Giochino ^__^


Grazie Stella!

Ho ricevuto due inviti dalla carissima Stella, per partecipare a due "giochi" .

Il primo consiste nello scrivere una lista di cose che ci piacerebbe fare prima di terminare la nostra missione in questa vita, poi, condividerlo con 8 amici.

Esibire il link di chi ha mandato l'invito (è tra i miei preferiti).

Il secondo consiste nel trovare una caratteristica per ogni lettera che compone il nome di chi ha mandato l'invito.

Inizio con il primo....

Le cose che mi piacerebbero...



1) Abbracciare i miei familiari(A me basterebbe avere questa opportunità ... )

2) Aver lasciato ai miei figli una buona educazione, vedere realizzati i loro sogni ed esser sicura che godano della vita e di questo stupendo mondo.

3) Comincerei ad apprezzare tutte le cose che prima davo per scontato,anche le piu' futili.

4) Vedere una mia cara amica diventare mamma.

5) Avere goduto di quello che la vita ti ha concesso.

6) Andare nello spazio (un pò fantascientifico, non trovi ! !)

7) Andare in missione in Africa.

8) Non vedere più bambini morti nel mondo a causa delle guerre o dela fame :(

9) Un mondo + onesto!

10) Vedere un mondo senza ignoranza, dove i problemi possano discutersi dialogando, dove l'unica arma concessa sia la parola.



ECCO IL SECONDO

S = sorridente

T= tenera

E= elegante

L= leale

L= limpida

A= amabile (impossibile non volerti bene^_^)


Adesso nomino :


lunedì 8 dicembre 2008

..*LA SETTIMANA....dell' AMICIZIA*..

Se i baci fossero acqua ti darei il mare,
se le coccole fossero foglie ti darei
l'albero e se l'amicizia fosse la vita ti darei
semplicementela mia.Ti adoro.



Questa è la settimana dell'amicizia spedisci questo sms a 5 amici e a me se ne faccio parte.Se te ne tornano 3 vuol dire che sei molto apprezzato se sono 5 vuol dire che sei un amore di donna e che tutti ti vogliono bene
siete unici
Vi voglio bene ... questa è per tutti voi amici blogger ....

Nelly

venerdì 5 dicembre 2008

Oggi sono 16... amore sono volati AUGURIII


A te che sei l’unica al mondo
L’unica ragione per arrivare fino in fondo
Ad ogni mio respiro
Quando ti guardo
Dopo un giorno pieno di parole
Senza che tu mi dica niente
Tutto si fa chiaro
A te che mi hai trovato
All’ angolo coi pugni chiusi
Con le mie spalle contro il muro
Pronto a difendermi
Con gli occhi bassi
Stavo in fila
Con i disillusi
Tu mi hai raccolto come un gatto
E mi hai portato con te
A te io canto una canzone
Perché non ho altro
Niente di meglio da offrirti
Di tutto quello che ho
Prendi il mio tempo
E la magia
Che con un solo salto
Ci fa volare dentro all’aria
Come bollicine
A te che sei
Semplicemente sei
Sostanza dei giorni miei
Sostanza dei giorni miei
A te che sei il mio grande amore
Ed il mio amore grande
A te che hai preso la mia vita
E ne hai fatto molto di più
A te che hai dato senso al tempo
Senza misurarlo
A te che sei il mio amore grande
Ed il mio grande amore
A te che io
Ti ho visto piangere nella mia mano
Fragile che potevo ucciderti
Stringendoti un po’
E poi ti ho visto
Con la forza di un aeroplano
Prendere in mano la tua vita
E trascinarla in salvo
A te che mi hai insegnato i sogni
E l’arte dell’avventura
A te che credi nel coraggio
E anche nella paura
A te che sei la miglior cosa
Che mi sia successa
A te che cambi tutti i giorni
E resti sempre la stessa
A te che sei
Semplicemente sei
Sostanza dei giorni miei
Sostanza dei sogni miei
A te che sei
Essenzialmente sei
Sostanza dei sogni miei
Sostanza dei giorni miei
A te che non ti piaci mai
E sei una meraviglia
Le forze della natura si concentrano in te
Che sei una roccia sei una pianta sei un uragano
Sei l’orizzonte che mi accoglie quando mi allontano
A te che sei l’unica amica
Che io posso avere
L’unico amore che vorrei
Se io non ti avessi con me
a te che hai reso la mia vita bella da morire, che riesci a render la fatica un immenso piacere,
a te che sei il mio grande amore ed il mio amore grande,
a te che hai preso la mia vita e ne hai fatto molto di più,
a te che hai dato senso al tempo senza misurarlo,
a te che sei il mio amore grande ed il mio grande amore,
a te che sei, semplicemente sei, sostanza dei giorni miei, sostanza dei sogni miei...
e a te che sei, semplicemente sei, compagna dei giorni miei...sostanza dei sogni...

Curiosità ...

Vi sarà sicuramente capitato di subire i classici sintomi dell'influenza e chiedervi da chi, ma soprattutto dove l'avete preso?
La risposta arriva dall’Università della Virginia dove uno studio scientifico ha rilevato che il telecomando è uno degli oggetti domestici dove si annida più spesso il virus che causa il raffreddore. Infatti, il Rhinovirus è il virus responsabile di starnuti, bruciori di gola e tosse, e sembra che alberghi tra gli oggetti che più si utilizzano in casa, come il telecomando, lo sportello del frigorifero, il rubinetto del bagno, penne e mouse del PC.
Secondo questo studio condotto su un campione di 30 famiglie, è emerso che nel 42% degli oggetti analizzati sono state trovate le tracce del suddetto virus, il quale si deposita sulle superfici e sopravvive per circa 2 giorni, agevolato, altre sì, dal tepore delle mura della casa. Il passaggio all’organismo umano avviene attraverso il contatto con le mani ed è quasi inutile diffondere disinfettanti nell’aria.
Il consiglio migliore che gli esperti danno è quello di effettuare una pulizia approfondita della casa delle suppellettili e delle mani…

mercoledì 3 dicembre 2008

Tao

I pensieri creano la realtà.
Oggi scelgo quelli che mi fanno stare bene^_^ ovviamente li dedico a tutti voi amici:

martedì 2 dicembre 2008

Salute: da Israele la sedia del freddo che fa dimagrire

TEL AVIV - Ad Israele è adesso possibile dimagrire restando comodamente seduti su un nuova sedia per ufficio, di aspetto avveniristico. Lo afferma il quotidiano Haaretz. Realizzata dai disegnatori industriali Alex Padwa e Daniel Leibovicz, la sedia 'I-cool' brucia le calorie del corpo attraverso il raffreddamento controllato della schiena e del fondo schiena. In questo modo - affermano i suoi realizzatori - anche le persone più sedentarie possono ridurre il loro peso, senza alcuna fatica. Un ulteriore vantaggio della sedia è che essa crea attorno a sé un ambiente climatizzato, su misura di chi la utilizza. In questo modo contribuisce a riportare l'armonia in quegli uffici dove i dipendenti non riescono a concordare un livello di climatizzazione gradevole per tutti.

domenica 30 novembre 2008

Pepe o peperoncino?

Ognuno ha le sue teorie e le sue preferenze, e comunque si tratta delle due spezie maggiormente diffuse sulle nostre tavole.
Quale è la migliore?
In termini di sapore, è puramente una questione di gusto per cui a ognuno il suo voto; se invece la si mette in termini di proprietà, la questione diventa diversa e la scienza può aiutare.
Ecco quindi alcune informazioni che possono aiutare ad orientarsi.
Il peperoncino ha proprietà anestetiche, antidolorifiche, disinfettanti, stimolanti ed è anche ricco di vitamine antiossidanti. E' preferibile consumarlo crudo perchè così conserva intatte tutte le sue qualità, che si perdono, invece, a una temperatura superiore ai 70 gradi.
Se troppo ha il difetto di inibire la ricezione dei sapori, lo dice lo studio dell'università della California ma chiunque abbia mangiato troppo peperoncino tutto insieme lo sapeva già.
Il pepe, è stimolante, tonico antibatterico e contiene un alcaloide, la piperina, che irrita la mucosa dello stomaco ma al contempo attiva la salivazione e la produzione di succhi gastrici per cui aiuta la digestione. Va conservato sottovuoto o in una confezione chiusa ermeticamente e, una volta macinato perde subito il suo aroma : ecco spiegato perchè molte ricette raccomandano di macinarlo solo al momento di usarlo sulle pietanze.
Detto ciò, come insegnano i latini, de gustibus ...
Per quanto mi riguarda uso entrambi ;)

sabato 29 novembre 2008

C'è chi aspetta la pioggia per non piangere da solo...

“Alcuni dicono che la pioggia è brutta, ma non sanno che permette di girare a testa alta con il viso coperto dalle lacrime.” (Jim Morrison)

Adoro guardare la pioggia

cadere e sentire il suo rumore infrangersi sulla roccia

che noi chiamiamo terra . . . la pioggia è l'unico evento

atmosferico che ci ricorda che siamo vivi . . .

. . . perchè DIO è nella pioggia . . .

sabato 22 novembre 2008

Curiosità


Parigi: Il primo campionato nazionale di corsa sui tacchi a spillo si svolge stasera a Parigi in luogo top secret, comunicato solo alle partecipanti. In palio 3.000 euro in buoni acquisto da spendere per le scarpe in vendita sul sito Web degli organizzatori (sarenza.com). Selezionate 32 squadre da 3 ragazze, che per gareggiare devono obbligatoriamente portare tacchi di almeno 8 centimetri ed essere vestite con un look sexy.
Si affronteranno in una pericolosa staffetta di 360 metri.

venerdì 21 novembre 2008

Tao

Oggi mando il mio sorriso e la mia buona energia a tutte le persone che mi conoscono.

domenica 16 novembre 2008

Re: ai vostri commenti

Un po di giorni fa, ho fatto un post sul mio amico Benny, qualche sera fa vi ha risposto ringraziandovi tutti.

Anonimo Anonimo ha detto...

Ciao a tutti, pace vera e gioia piena in Cristo Gesù nostro Tutto. Sono l'amico di Nella, p. Benedetto, vi rinrazio per gli auguri e per l'incoraggiamento. Il Signore vi benedica +.
P. Benedetto

14 novembre 2008 19.34

giovedì 13 novembre 2008

Ultime Giuseppe Casu ... per non dimenticare

Colpo scena contro i due psichiatri: il pm Giangiacomo Pilia ha contestato l'aggravante della preisione del rischio che il paziente sarebbe potuto morire in seguito alla scelta della terapia.

La prima udienza,i l I7 aprile scorso, aveva escluso i testimoni del pubblico ministero che aveva depositato la lista fuori tempo massimo. Colpo di scena e lungo rinvio.
Ieri a distanza di sette mesi, nuovo coup de theatre e breve rinvio: al primario di Psichiatria Giampaolo Turri e alla sua collega di reparto Maria Cantone, accusati di omicidio colposo in relazione alla morte di un paziente ricoverato al SantissimaTrinità, il pm GiangiacomoPilia ha contestato l'aggravante della colpa cosciente con previsione dell'evento.
Termini tecnici per dire che i medici di Giuseppe Casu, l'ambulante quartese ricoverato in
Psichiatria con un trattamento sanitario obbligatorio, nel momento in cui lo hanno legato al
letto..e lo hanno sottoposto a cura farmacologica hanno previsto che il paziente sarebbe
potuto morire.
Non hanno però accettato quel rischio, altrimenti sarebbe stato di omicidio volontario e il processo sarebbe dovuto traslocare in Corte d'Assise.
Decisamente troppo: se anche il tribunale del lavoro, nel respingere il ricorso Turri contro la sospenspensione di cinque anni decisa dall'Asl 8 dopo il rinvio a giudizio, abbia sostenuto che si tratta di un fatto grave non comparabile con altre colpe mediche, contestare l'omicidio volontario ai due psichiatri per scelta terapeutica appare eccessivo.Comunque sia, l'aggravante contestata ieri dal pm non è una banalità.
Tutt'altro. Il pm potrà ora portare davanti al giudice Simone Nespoli nuovi testimoni a sostegno dell'accusa e la difesa potrà combattere con le stesse armi.
Di lì il rinvio dell'udienza all'11 dicembre. Il primario e la sua collega di reparto erano presenti ieri mattina nell'aula del Tribunale monocratico: si sono seduti fra i banchi in seconda fila,vicino ai loro difensori, gli avvocati Gianfranco Màciotta, Guido Manca Bitti,
Massimo Ledda e Vincenzo Sau.
C'erano anche la vedova, la figlia e gli altri parenti di Giuseppe Casu, parte civile con gli avvocati Mario Canessa e Dario Sarigu, ma sono rimasti dietro la balaustra che delimita
lo spazio riservato al pubblico.
Sembrava che il processo dovesse finalmente decollare, invece c'è stato il nuovo colpo di scena. Il pm ha annunciato l'integrazione del capo d'imputazione con aggravante: <>:
In parole semplici: il 15 giugnò 2006 Casu fu ricoverato in Psichiatria con uno stato di agitazione psicomotoria.
Venne sottoposto contenzione fisica e gli furono somministrati alcuni farmaci. Contenzione
e sedazione per tutta la durata del ricovero, fino alla morte del paziente, il 26' giugno:
trombo-embolia dell'arteria polmonare. Secondo l'accusa la contenzione fisica fu lecitamente prescritta ma venne continuata in modo <>: nessuna consulenza cardiologica né un elettrocardiogramma ne un esame ecografico dei vasi venosi
per verificare le condizioni cardiocircolatorie.
In quel modo, secondo la nuova imputazione, si sarebbe potuto decidere di non somministrare alcuni farmaci e scongiurare alterazioni cardiache capaci
di provocare scompènsi cardiaci e respiratori.
Anche perché non si era provveduto neppure alla radiografia del torace.
Fin qui le accuse del pm, la difesa replicherà nella prossima udienza.
Maria Francesca Chiappe

martedì 11 novembre 2008

Divorzio story slitta l'udienza ^^

E' stata rinviata al 30 marzo 2009 l'udienza che dovrà sancire il divorzio tra un 91enne di Barano e una 60enne di Serrara Fontana.

A far slittare la definitiva rottura del vincolo coniugale, non ci sarebbe un ripensamento dell'anziano, oggi assente, ma un certificato medico per problemi di salute.

La vicenda dei due protagonisti : lui 91 anni, sposato in seconde nozze dopo la morte della prima moglie, e lei 60 anni, ha destato scalpore e curiosità sull'isola d'Ischia. Un matrimonio, il loro, durato 19 anni: fino a quando lui non ha deciso di chiedere il divorzio. La causa?
Secondo la moglie è perché lui ha un'amante. Secondo il marito è perché, invece, é lei ad avere un'amante. Questa mattina la donna si è presentata al Tribunale di Napoli ma per l'assenza del 91enne l'udienza è slittata.
I due si conobbero anni fa sul posto di lavoro: lui era datore di lavoro e lei bracciante agricola. Poi il 91enne ha fatto fortuna, ha investito nel settore immobiliare, ha realizzato tre alberghi, ha acquistato proprietà.
Ora la moglie gli ha presentato "il conto": sì al divorzio ma alimenti e contributi previdenziali mai versati.
La notizia ha fatto il giro dei telegiornali nazionali, forse per l'età dei coniugi.

sabato 8 novembre 2008

Curiosità

Ischia, a 91 anni chiede il divorzioLa moglie lo accusa: «Ha un'amante»

La storia non avrebbe nulla di strano se, i protagonisti, non avessero 60anni lei e addirittura 91 lui. Accade a Barano d'Ischia dove l'anziano ha chiesto al Tribunale lo scioglimento definitivo del legame coniugale mentre lei ora vuole gli alimenti e anche la casa dalla quale è stata sfrattata. Il novantunenne, già vedovo, e dunque alle sue seconde nozze, oltre che essere marito, è stato per un bel po' di anni anche il suo datore di lavoro. La donna, infatti, lavorava come bracciante agricola quando lui si occupava di coltivazione di patate. Poi, l'uomo, è riuscito a realizzare la costruzione di un prestigioso albergo nella zona dei Maronti, ad Ischia: un impero economico, un patrimonio immobiliare di tutto rispetto con l'acquisto da parte della società anche di altri alberghi. La sua seconda storia d'amore ha, però, stando alle accuse, lasciato spazio anche ad una terza relazione. Lui ha chiesto il divorzio e lei non si è opposta ma vuole, però, gli alimenti mai versati, la casa e i contributi previdenziali che dopo il matrimonio non le sono stati versati.

Oggi la voglia di ricominciare, la richiesta di divorzio e l'accusa di tradimento. Lunedì prossimo, al Tribunale di Napoli, ci sarà la prima udienza.

giovedì 6 novembre 2008

Buon onomastico Sirio

Buon onomastico Sirio

Etimologia: Leonardo = forte come leone, dal latino e dal tedesco

La tuà bontà d’animo rende onore a S. Leonardo.
Trascorri un sereno onomastico.

mercoledì 5 novembre 2008

Premio dolcezza


Ho ricevuto questo bellissimo premio da Stella che ringrazio molto.

E' da assegnare ad altri sette blog che si sono distinti per aver dato un messaggio di dolcezza e/o amore.


Regolamento

  • Scrivi un post linkando il blog che ti ha consegnato la targa come simbolo di gratitudine.
  • Crea un link anche a questa pagina (http://dolce-memole.blogspot.com/2008/11/premio-dolcezza.html) per permettere ai premiati di leggere il regolamento e prelevare il premio.
  • Per poter ritirare la targa devi premiare almeno sette blog.
  • Se vuoi indica la motivazione per cui consegni la targa ai blog premiati.
  • In seguito puoi, in qualunque momento, assegnare il premio ad altri blog.
La premiazione è puramente casuale , vi adoro tutti!!! ok sono pronta:

Valetata

Free

Serena


Streghetta

Nadia

Maffy


Guernica

L'America volta pagina: Obama nuovo presidente Il sogno di Martin Luther King è realtà


NEW YORK (5 novembre) - L'America volta pagina: Barack Obama è il nuovo presidente degli Stati Uniti.

martedì 4 novembre 2008

Buon Onomastico Carlo

Il nome del santo che porti lo hai sempre onorato con la tua bontà e il tuo altruismo. Buon Onomastico Carlo.
Etimologia:
Nome di origine medioevale da Carolus, che rappresenta la latinizzazione del tedesco Karl il cui significato, dal primitivo "uomo" passò a indicare l'uomo libero.

domenica 2 novembre 2008

Benvenuta Carolina ...


Giusy sei fantastica .... e sarai una mamma speciale ... come lo sei per me come cugina.

Oggi un nuovo raggio di sole illumina la nostra vita. Stasera alle 19.20 è nata Carolina, pesa 3550 grammi una nuvolina rosa.
Una bellissima bimba che sta osservando il mondo con i suoi due occhioni.

2 Novembre commemorazione dei defunti


Riposo eterno, dono a loro, Signore:
allontanali da tutti i mali, dalle malattie, dalle sofferenze estreme del corpo
e da quelle più oscure ed opprimenti dello spirito,
affinchè splenda ad essi la Tua luce perpetua
e possano finalmente riposare nella Tua pace.

Amen.


(Per voi, che amiamo, di cui abbiamo nostalgia, che sentiamo sempre vicini, che vorremmo poter riabbracciare di nuovo, per voi che siete andati avanti, per voi che un giorno rivedremo sicuramente.)

venerdì 31 ottobre 2008

Oggi è un anno che Diego è volato via ... "La morte dei valori"

La mamma Mira Mancioli | Il 31 ottobre di un anno fa Diego è volato via. Sarà stato un sogno di libertà sbagliato, ma pur sempre un sogno umano che squarcia il cielo grigio di una comunità. Comunità chiusa e sorda, che negli anni non ha mai voluto capire che al di là di sè stessa c’era chi reclamava identità ed autenticità. A tutte le persone che da tutta Italia ed anche dall’estero, con telefonate, telegrammi e lettere hanno voluto essermi vicino, ai giornalisti e a chi lo ha teneramente ricordato su questa pagine, a chi lo ha commemorato con una sedia vuota listata a lutto, ai pianti dirotti delle maestre e degli insegnanti delle scuole medie, ad un professore del liceo scientifico Einstein ed ai suoi alunni, ai prèsidi in lacrime, al sindaco di Lacco Ameno e agli amici, a tutte le persone che hanno affrontato la faticosa salita che porta a casa per darmi conforto ed esprimere di persona il loro dolore io devo un ringraziamento. Non c’è persona ad Ischia che non sia scoppiata a piangere quando mi ha incontrata. E che continua a farlo. Nei negozi, nei bar, per strada, su aliscafi e traghetti. Gente di tutte le età, condizione sociale e culturale, che hanno mostrato e continuano a mostrare sincera partecipazione al dolore. A quel dolore che la mente non riesce nemmeno ad immaginare:la morte di un figlio. Ringrazio tutti. E la partecipazione, se non può restituire la vita di Diego, mi trasmette quel senso di civiltà e soprattutto di umanità che fa da contrasto all’indifferenza, che è vuoto cinismo. Questo è per me motivo di consolazione. E’ come un abbraccio che per qualche istante riscalda il gelo. Accanto ai tanti segni di vicinanza e di affetto,alle parole e a gesti sentiti, dalla scuola di Diego, il Liceo Classico Giovanni Scotti, non ho ricevuto un segno di cordoglio. Non un fiore, non un telegramma, non un minuto di silenzio per ricordarlo, Niente. Non una commemorazione. Nessuno, in suo ricordo ha mostrato a tutt’oggi l’intenzione di deporre un fiore sul suo banco, irrimediabilmete tragicamente vuoto. Come può accadere una cosa del genere? Perchè stendere un velo di freddo silenzio? Neanche dopo il quarto sucidio, in quella scuola c’è stata la necessità di porsi domande? Nessuno, tranne pochi, ha sentito la necessità di partecipare al dolore? C’è stato qualcuno che ha voluto cercare, offrire chiarezza ed ha cercato lo sguardo di ciascun ragazzo per riflettere e ragionare? Eppure il dolore appartiene alla vita. Torno ad Ischia di tanto in tanto, ma è un ritorno doloroso. Torno con la speranza di poter aggiungere un altro tassello ad una storia che manca di chiarezza, completezza ed umanità. Dimenticare per disconoscere è un’arma letale per ogni esame di coscienza. L’incapacità di guardare in faccia il dolore, nascondendosi dietro a indifferenza, omertà, minacce e menzogne non ha più nulla di umano e di cristiano. Se l’esercizio di civiltà, la difesa di identità, di valori e di principi etici non vengono rispettati, è l’intera comunità ad essere dannatamente in pericolo.

CHI ERA DIEGO
Diego era un ragazzo educato dal cuore pulito. Amava stare all’aria aperta, aveva deciso di coltivarsi un orticello che curava personalmente, amava il mare, scriveva racconti, eccelleva senza sforzo negli studi, era pronto ad aiutare tutti. Non sempre trovava nei suoi coetanei, ragazzi che fossero interessati alle cose che a lui piacevano. Non inseguiva le mode del momento. Sicuramente per lui era importante il rispetto verso i compagni e verso i professori. Diego si è avvicinato al liceo con grande entusiasmo. Ben presto, per la sua grande facilità di apprendimento e passione per lo studio, si è ritrovato addosso l’etichetta di “secchione”. Man mano la pressione è aumentata ed ha cominciato ad essere tormentato, isolato, offeso. “E’ lo scotto che deve pagare il primo della classe,”... ”sono ragazzate” mi è stato risposto. Qualsiasi atto verbale, scritto o fisico che colpisca la dignità o l’integrità fisica e psicologica di uno o più studenti nella scuola, in attività connesse alla scuola, nel cortile, su bus scolastici, o provochi danni verso i beni della scuola si definisce con una sola parola: BULLISMO Serve asserire che ad Ischia non ci sia bullismo? La parola bullismo evoca manifestazioni di prepotenza, di vuoto di relazione, di sottrazione morale ed è una conclamata ed allarmante realtà mondiale. Riguarda tutte le scuole ed i gruppi, con forme e significati di volta in volta diversi. Esso si rafforza quando, per convenienza, debolezza, incapacità, aridità emotiva gli spettatori restano indifferenti e non intervengono. Diego non ha mai offeso nessuno perchè credeva nei valori universali della fratellanza, solidarietà, nella pace tra i popoli, nella cooperazione, nell’amicizia, nel rispetto, nell’amore per la natura e nell’amore per i più deboli. Era convinto e mi ha sempre detto :”Mamma, i problemi si risolvono attraverso il dialogo, con gesti di pace. Bisogna solo avere la forza ed il coraggio di tirar fuori la parte buona che c’è in ognuno di noi”. Quel 31 ottobre 2007 Diego, un’ultima volta parlò a lungo a scuola di questi valori, raccolse insulti ed indifferenza. MA IL COMPITO DI DIEGO NON È FINITO E NON PUÒ FINIRE. Per riaffermare i valori di Diego, perchè le sue idee non muoiano con lui, continuerò, io ed altri, a dar voce a quei valori che Diego ha espresso ed espresse, in una classe del liceo Giovanni Scotti di Ischia, un ultima volta, il giorno in cui si è tolto la vita. B. un giovane coetaneo, in ricordo dell’amicizia, si è tatuato il nome Diego sul corpo. Quel ragazzo mi ha dato e dà una lezione a tutti, Mi è maestro, erchè, a modo suo, sa affrontare il dolore, la perdita, la separazione. Non rimuove e non nega.

SOSBULLISMO
Oggi faccio parte dell’associazione SOSBULLISMO, che ha aperto uno sportello d’ascolto in Campania. Per sensibilizzare al problema bullismo, per essere vicino a chi vede nella prevenzione e nel sostegno alle vittime e alle loro famiglie, l’unica possibilità di contrastare il fenomeno. Per dire basta alle sopraffazioni.
Chiunque può scrivere a info@bullismo.com o visitare il sito www.SOSBULLISMO.com
“forza e coraggio”