giovedì 15 maggio 2008

Festa di Santa Restituta

Lacco Ameno dal 16/05 al 18/05

La festa di Santa Restituta è una festa religiosa, che si svolge nel mese di Maggio, dal 16 al 18.
Le strade cittadine sono abbellite dalle luminarie, decine sono le bancarelle con noccioline, torroni, giochi e tanto altro.
Per i giovani si allestisce un’area del paese con varie giostre che restano per un mese intero.
Il primo giorno dei festeggiamenti, il 16 Maggio d’ogni anno, nella Baia di San Montano si svolge la rappresentazione del martirio e dell’approdo della Santa a Lacco Ameno.
Secondo una leggenda era il 16 maggio dell’anno 284, la giovane Restituta dichiarava di adorare Dio e rifiutava di pronunziare il nome di Giove, fu condotta in carcere.
Dopo un altro interrogatorio e rifiuto di inchinarsi alla maestà dei Dei fu condannata ad essere flagellata crudelmente e posta in una barca, riempita di pece e di stoppa e lasciata sprofondare negli abissi del mare. All’esecuzione della sentenza accadde qualcosa d’incredibile, le fiamme si avventarono sul vascello dei carnefici, risparmiando la barca su cui era posto il corpo di Restituta, apparve un angelo del Signore che sospinse la barca verso la baia di San Montano, sul isola d’Ischia.
La matrona Lucina, svegliata dall'Angelo, si portò sul luogo e si stupì davanti ad un così straordinario spettacolo. Tornata in paese e chiama a raccolta il popolo gridando: "Una barca senza vele e senza remi è giunta alla nostra terra. Sulla Barca il corpo santo di una vergine martire. Donne, uomini, sacerdoti, accorrete! Venite a contemplare il dono del Signore!".
Allo sbarco, la statua lignea della Santa, adornata con tanti oggetti preziosi che le sono stati offerti, è portata in processione dalla baia alla chiesa.

Tra i clivi si diffonde un nuovo profumo: sulla sabbia è fiorito il giglio di Santa Restituta.
La festa di Santa Restituta rievoca anche un altro evento importantissimo per la cittadina. Nei primi anni del 1600 i Turchi, penetrati nella cappella di Santa Restituta ove era esposta la statua della Vergine, ne saggiarono con un colpo di scimitarra il legno dorato. Delusi, balzarono sul campanile e rubarono le campane. Le caricarono su navi ma un vento impetuoso agitò fortemente il mare e le onde minacciavano di affondarle. I marinai gettarono in mare le campane per alleggerire il peso. Dalle colline i coloni assistettero ad un così prodigioso evento e giurarono: le andremo a ripescare.
Tornato il sereno, tentarono inutilmente di portare in salvo il loro patrimonio, ma la fatica fu sprecata e gli sforzi risultarono inutili.
Il 17 Maggio, la Santa è portata per mare con un traghetto; parte dal pontile di Lacco Ameno in direzione Punta Caruso, dove gira e prosegue verso Casamicciola Terme.
Allo sbarco è accolta da una diana di fuochi pirotecnici, da fedeli e partecipanti di tutta l’isola e dai sacerdoti. Il vescovo, in Piazza Marina, rivolge ai fedeli un discorso e impartisce la benedizione con la reliquia della Santa. Continua la processione per raggiungere la basilica di Santa Restituta.
Il 18 Maggio, la Santa è portata in processione per le strade cittadine.
A mezzanotte il cielo si illumina dai ricchissimi fuochi pirotecnici che concludono i festeggiamenti per la Santa.
Durant
e le sere di festa la musica, di bande musicali e cantanti, echeggia nella piazza antistante la chiesa; ed è fantastico passeggiare nel corso sotto le coloratissime luminarie e tra le numerosissime persone che partecipano alla festa.




6 commenti:

freespiritman ha detto...

Buonaseraaaaa!!!! Alla mia carissima amica!! Eccomi qua, questa volta mi sono permesso di curiosare un pò nel tuo bellissimo blog. Ed ho visto delle foto stupende!!! E a tal proposito, sto organizzando per il mese di giugno una mostra fotografica collettiva nel mio blog. Ti invito a passare e a leggere e soprattutto conto sulla tua partecipazione. Hai delle bellissime foto. Non deludermi, ci conto eh? Ti aspetto.
Un bacio immenso e azzurro come il tuo mare!
Free

Nella ha detto...

Ciao free sono appena stata nel tuo blog ho letto tutto e sono entusiasta!!! Nei prossimi giorni cercherò di catturare delle belle immagini per partecipare alla mostra.
Un bacio ciaooo

jack ha detto...

WoW! Voglio vedere questa festa,uffa! :(
Ciao Nella,smack!

Nella ha detto...

Ciao jack, peccato ... è davvero suggestiva!!!
Baci

Alby ha detto...

Da come la descrivi deve essere qualcosa di stupendo, e il raccono con tutti i particolari sembra di vedere la storia con tanta realta, cmq è vero che in certe città d'italia esistono feste e riccorenze che ti trascinano, noi si abbiamo le nostre feste ma come dire nelle città grandi sono quasi dimenticate dai giovani e i vecchi ormai quasi sconsolati si ritanano nelle loro case, nei paesini la vita e le feste vengono sentite di piu. Da come descrivi la tua isola mi viene la voglia di visitarla, e chissa che prima opoi lo faccio. ciao Nella

Nella ha detto...

La festa è stupenda, perchè è sentita da tutti dall'anziano al bambino, e ognuno ha il suo ruolo da svolgere. alla fine si è tutti come una grande famiglia affinchè riesca tutto perfettamente ... e poi quando è finita ci si complimenta a vicenda soddisfatti!!!
Ciao Al